p-penza

Produzione

Paolo Penza

Distribuzione e marketing

“I film non sono altro che prodotti che bisogna far arrivare al pubblico nel miglior modo possibile”

con quest’idea Paolo Penza arriva al cinema dopo 16 anni di esperienza nel mondo della televisione e con il medesimo piglio insegna distribuzione agli studenti della Roma Film Academy.

Tutto nasce con un lavoro di programmista di film per la RAI, ottenuto in virtù della precedente esperienza di giornalista in una rivista che si occupava di tv satellitare. Nel corso di nove anni, spalmati su diversi canali e diverse mansioni, arriva ad occuparsi della programmazione film di Raiuno. Poi il passaggio a Mediaset, per occuparsi dapprima della programmazione film di Canale 5 e poi di acquisizioni, diventando film buyer.

“Essere pagati per vedere film, probabilmente il lavoro più bello che esista al mondo.”

Dopo 4 anni di questa attività arriva il trasferimento a Los Angeles, dove va a dirigere l’ufficio di rappresentanza Mediatrade negli Stati Uniti per tre anni. Rientrato in Italia inizia il lavoro da libero professionista, consulente di diverse aziende nel campo dell’acquisizione film, selezione progetti e sceneggiature fino a che non arriva la chiamata della 20th Century Fox, subito accettata perchè “dopo tanti anni ad occuparmi del cinema in televisione volevo lavorare davvero nel cinema”. La casa di produzione e distribuzione lo sceglie come Product Manager dei film della Fox Searchlight Pictures, la divisione che si occupa dei titoli di nicchia. Lì  il suo lavoro è  quello di seguire il lancio dei film in Italia seguendo in prima persona tutte le fasi della distribuzione, dalla scelta del titolo, alla realizzazione di trailer e spot, fino al doppiaggio dell’edizione italiana.

Nel corso degli anni Paolo Penza si è occupato del lancio in Italia di pellicole come “Little Miss Sunshine”, “Il Cigno Nero”, “Juno”, “Paradiso Amaro”, “In Trance”.

“Nella Roma Film Academy sono l’unico docente che insegna distribuzione, l’unico che parla agli studenti dei corsi di produzione, regia o sceneggiatura spiegando loro qual è il pubblico che deve vedere il prodotto, come avvicinarlo meglio e quali tecniche usare per vendere la propria opera. E soprattutto cosa significa portare un film al pubblico, sia in Italia che nel mercato più importante che esista, quello americano.”